Lunedì, 04 Agosto 2014 13:40

Univaq, si acuisce lo scontro tra Inverardi e Pezzopane

di 
Paola Inverardi Paola Inverardi

Aveva iniziato la senatrice Stefania Pezzopane. Con una nota diffusa a mezzo stampa, accusava la Rettrice Paola Inverardi "di perseguire la vecchia stantia logica del non disturbare il manovratore". 

Al culmine delle polemiche per il nuovo sistema di tassazione proposto dalla governance dell'Univaq, Pezzopane aveva proposto un tavolo con la ministra Stefania Giannini. "A mio parere, l’Università farebbe bene ad avere buone relazioni con il territorio e con le Istituzioni. Ma se la Rettrice intende proseguire un’altra strada, è libera di agire come crede. Mi sarei aspettata da lei l'apertura di un confronto sulle grandi questioni, mentre invece ogni volta che si propone un tema, si chiude a riccio".

Pronta la replica della Rettrice: "Dopo giorni di intenso dibattito che la questione della reintroduzione delle tasse universitarie ha destato, con inevitabili commenti a vari livelli, prendo atto che i riflettori si accendono sull’Ateneo dell’Aquila, grazie anche ad esponenti politici, per una decisione inevitabilmente impopolare, le cui critiche procurano però facili consensi".

Dalle note stampa dei giorni scorsi - aveva sottolineato Inverardi - "emerge l’immagine di un Ateneo che vuole muoversi uti singuli, dunque autonomamente rispetto alla città, generando un’immagine totalmente falsata della realtà. Respingo con forza le accuse di 'autoreferenzialità' che la senatrice Stefania Pezzopane mi ha rivolto, ancora una volta attraverso la stampa".

Al di là degli attacchi sulla stampa e delle polemiche pretestuose, denunciò la Rettrice, "ho la consapevolezza di rappresentare un’istituzione che, attraverso la didattica e la ricerca, risulta strategica per il territorio, sia per la formazione dei nostri giovani che per la ricostruzione della città e del suo comprensorio. Mi è stato sempre ben chiaro che l’Ateneo è parte integrante della città, ed è per questo motivo che ho già da tempo aperto un tavolo di confronto con il Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca, per una revisione dell’Accordo di Programma che, dal 6 aprile 2009, ci ha consentito di muoverci economicamente nella fase dell’emergenza. A tal proposito aggiungo, che sono state già delineate le linee d’indirizzo del nuovo accordo, per un piano di interventi per i quali intendo chiedere sostegno".

Già nelle nuove linee strategiche elaborate per la configurazione futura e la missione del nostro Ateneo, in effetti, Inverardi aveva tracciato il progetto di una Università-Laboratorio, "che coniugasse l’aspetto formativo con quello della ricerca e dello sviluppo locale. Molti di questi aspetti sono temi centrali per il rinnovo di un Accordo di Programma con il Ministero. Nell’ambito del dibattito che è seguito all’annuncio della reintroduzione delle tasse universitarie nel nostro Ateneo, sulle quali non voglio tornare avendone già dato ampie e dettagliate motivazioni anche tecniche, avevo controproposto alla senatrice Pezzopane l’importanza di istituire un tavolo di discussione con i referenti di Governo per la ricostruzione della città".

"Per questo motivo - concluse la Rettrice - ritengo capzioso l’attacco rivolto dalla senatrice sul tema delle tasse, e respingo le accuse di 'autoreferenzialità' e di 'snobismo' che sono rivolte attualmente all’Ateneo, poiché ho sempre avuto la consapevolezza che si debba lavorare tutti insieme sul terreno dell’attrattività e dell’accoglienza in città".

Poi l'affondo avverso le istituzioni territoriali, colpevoli di aver colto l'occasione della reintroduzione delle tasse "per mettere, in secondo piano, il fatto che gli studenti devono poter trovare una città che li accolga e li valorizzi come cittadini, non vedendo in loro solo una possibile fonte di reddito. Rilevo d’altra parte, senza nessuna responsabilità o competenza dell’Ateneo, che all’Aquila sono ancora 'imposti' affitti molto alti agli studenti, in una situazione logistico-strutturale di non facile vivibilità".

Non è mancata la contro-replica della senatrice democrat"Non gioco a ping pong con la Rettrice. Ho sempre collaborato con i Rettori Bignardi e Di Orio e intendo farlo con tutti. Prendo atto dal nuovo comunicato della Rettrice, in cui si dice disponibile a discutere del futuro della città universitaria".

"Ho ricevuto da giorni la disponibilità del Ministro Stefania Giannini ad un incontro con l’Università, la Regione ed il Comune", ha ribadito Pezzopane. "Il Ministro si è resa subito disponibile, mentre la Rettrice fa stravaganti controproposte di generici confronti sulla ricostruzione. Quello che ho proposto è un incontro con il Ministro sui temi dell’Ateneo e al di là delle polemiche, che non ho certo aperto io, approfitto dell’uscio socchiuso per sconfiggere ogni reticenza. L’Ateneo è pronto a discutere? Bene, allora incontriamoci con il Ministro, anche a breve".

La Senatrice ha sottolineato di essersi messa a disposizione "per favorire un confronto e affrontare tutti i nodi dell’Ateneo aquilano, tra cui quelli del numero chiuso e delle tasse. A parte l’Accordo di programma, che è un fatto interno all'Università e su cui le istituzioni del territorio non mi risulta siano state chiamate a discutere, ci sono molte questioni ancora aperte, che si potrebbero affrontare anche con dei provvedimenti del Parlamento e del Governo agevolati,  potendo contare sulla disponibilità del Ministro. Una proposta che penso chiunque avrebbe salutato con entusiasmo, ma che invece nella Rettrice ha provocato un atteggiamento di chiusura. Stile 'ghe pensi mi'".

"Addirittura la Rettrice avanza una controproposta - l'affondo di Pezzopane - come se il terreno del dialogo e del confronto potesse soggiacere a facili giochetti. Io non ho alcuna voglia di giocare, né ho scambiato l’Università per un giocattolo. Da un confronto tra Governo, Regione, Comune e Università potevano uscire spunti interessanti sulle cose da migliorare. La Rettrice pensa sia più utile spostare il dibattito, rigirando la frittata con un generico confronto sulla ricostruzione. Sulla ricostruzione sono attivi diversi tavoli di confronti e di dialogo. Li sta gestendo benissimo il sottosegretario Legnini anche con il mio supporto. Di una di queste iniziative sono stata anche promotrice. Si stanno raccogliendo diversi suggerimenti e proposte da inserire nel nuovo testo di legge sulla ricostruzione e se l’Ateneo non volesse sottrarsi al confronto, con l'incontro da me proposto si potrebbero verificare le necessità dell'Università dentro i nuovi provvedimenti in corso. Nel progetto città a dimensione di studente, che da assessore comunale promossi con successo, tutti gli attori discutevano insieme. Continuo a pensarla così, che discutere insieme è meglio che dire faccio da sola".

 

 

Ultima modifica il Lunedì, 04 Agosto 2014 18:53

Articoli correlati (da tag)

Chiudi